Vai al menù principale Vai al menù secondario Vai ai contenuti Vai a fondo pagina
Istituto Magistrale Statale Giordano Bruno di Roma
Istituto Magistrale Statale Giordano Bruno di Roma
ISTITUTO MAGISTRALE STATALE
"GIORDANO BRUNO"
Registro ElettronicoAmministrazione trasparente
PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE
Piano Nazionale Scuola Digitale
PROGETTI E CERTIFICAZIONI
PON 2014-2020Erasmus+Percorso CambridgePercorso EsabacCertificazione DELECertificazione HSK 汉语水平考试AlmaDiploma
L'ISTITUTO
SERVIZI
OFFERTA FORMATIVA
ORIENTAMENTO
PROGRAMMI ED ESAMI
PERCORSI COMPETENZE TRASVERSALI ORIENTAMENTO
REGOLAMENTI
VARIE

Giovanni Floris ospite del Liceo Giordano Bruno

Il giornalista Giovanni Floris incontra gli studenti del Giordano Bruno

Il 1° febbraio 2019, a pochi giorni dalla Terza Giornata Nazionale contro il bullismo a scuola, il giornalista e scrittore Giovanni Floris ha incontrato più di 200 studenti dell’IMS Giordano Bruno, nell’aula magna dell’Istituto, per parlare con loro del suo romanzo “Quella notte sono io”.

L’incontro organizzato dal team dei docenti impegnati nel progetto Erasmus+ “Eirene: percorsi educativi di contrasto al bullismo”, è stato seguito dai ragazzi con vivo interesse e grande partecipazione. Il romanzo “Quella notte sono io” ha catturato subito l’attenzione dei giovani lettori i quali, in molti casi, hanno letto il racconto tutto d’un fiato. Cinque amici, adulti, ex-compagni di scuola, ricevono l’invito a recarsi in Toscana, a casa di un altro loro ex-compagno. E’ la madre del sesto ragazzo che spedisce il telegramma agli altri, informandoli che c’è un documento che li riguarda. Suspence, ricordi, brutti ricordi, un atto di bullismo riaffiora nella vita dei cinque amici dopo ventisette anni.

 

La memoria, quel fatto sembrava dimenticato…Il bullismoGli studenti del Giordano Bruno hanno rivolto molte domande allo scrittore. “Secondo lei, sono uguali le responsabilità di chi commette un atto di bullismo e di chi assiste ma non denuncia i fatti?” Chiarissima la risposta di Floris che sottolinea che la “responsabilità è di chi fa, di chi compie l’atto, certo è grave il fatto di chi non denuncia, non aiuta. La denuncia è un atto positivo”. Un altro ragazzo gli ha chiesto :”Sul piano pratico, pensa che la lettura di un romanzo sia uno strumento efficace per contrastare il bullismo?” E Floris con molta enfasi ha dichiarato che “è basilare leggere, lo studio è importante, la lettura aiuta a crescere”, “questo romanzo è un contributo contro il fenomeno del bullismo”.

Il Dirigente Scolastico, gli insegnanti e gli studenti hanno apprezzato la disponibilità dimostrata dall’illustre ospite, stimato giornalista e conduttore del programma Rai Ballarò, per 12 anni, ed oggi conduttore su La7 del programma “Di Martedì”.

Un’altra domanda sul romanzo :”Il successo di Mirko nella vita, può essere interpretato come un messaggio di speranza?”. I ragazzi capiscono, hanno “conosciuto” il Mirko di “Quella notte sono io”, un diverso. La risposta di Floris è stata immediata, netta, “Dobbiamo capire che le differenze sono ricchezze, sono gioia, libertà”. E subito dopo un riferimento all’attualità :”Voi state seguendo la storia della nave con le persone a bordo, nel Mediterraneo. Quelle persone sono prima di tutto esseri umani, vanno aiutati perché persone! Poi vedremo se saranno rifugiati, immigrati o altro”.

Poi la domanda relativa alla scuola del racconto, rappresentata dal preside e dalla professoressa di lettere che “non hanno raccontato la verità”. “Lei crede che la scuola non sia in grado di aiutare i ragazzi che sono coinvolti in atti di bullismo?” E Floris concorda :”Il preside e laprofessoressa non sono perfetti, la professoressa sbaglia, il preside usa la logica, ma la scuola è un’opportunità per tutti, la scuola prepara alla vita, è la base della formazione collettiva, salva il nostro paese.”

Floris ha ricordato come proprio un incontro a scuola con un giornalista, mentre frequentava le scuole medie, abbia fatto nascere in lui la passione per il giornalismo e quindi rivolgendosi agli studenti li ha invitati a “dare importanza a tutto ciò che si fa, a studiare, leggere, essere responsabili di tutto ciò che si fa.”

I ragazzi hanno ascoltato sempre con molta attenzione le parole di Floris, con applausi a conclusione delle risposte.

Gli hanno chiesto :”Il bullo chi è?” “Bulli siamo noi quando ci sentiamo meglio degli altri, quando siamo contenti che quella cosa non sia toccata a noi, siamo bulli quando ci sentiamo superiori, quando giudichiamo gli altri diversi, differenti per la loro etnia, per le scelte sessuali, quando combattiamo e condanniamo le differenze.”

Nelle ultime pagine del romanzo si legge “Comprendere l’importanza di ogni propria azione non è facile, è una qualità rara, così come lo sono essere in grado di apprezzare le differenze e il coraggio di difendere quelli che , sul momento, sembrano essere i più deboli. Tra l’altro, prima o poi, capita a tutti di essere i più deboli; bisogna tenere duro, poi passa. E si capisce che nessuno è più forte dell’altro”.
Il tempo è volato, l’incontro è concluso, applausi salutano il giornalista che firma decine di libri e sorride amichevolmente agli studenti e agli insegnanti che gli chiedono una foto o un selfie.

Un sentito ringraziamento a Giovanni Floris

Il Dirigente Scolastico prof. Paolo De Paolis

 

Glistudenti delle classi 1AU- 2AU- 2AL- 3AL-2AS- 3AS- 2BX- 5AS- 5AU

I docenti del Progetto Erasmus+ EIRENE
prof. Gilda Di Nardo- Nella Scenna- Paola Albamonte- Marcella Calvagno- Regina Cristiano- Alessandro Polito- Tiziana Savo


Permalink: Giovanni Floris ospite del Liceo Giordano BrunoData di pubblicazione: 21/12/2018
Tag: Giovanni Floris ospite del Liceo Giordano BrunoData ultima modifica: 04/06/2019 12:01:43
Visualizzazioni: 834 
Top news: Primo piano:

 Feed RSSStampa la pagina 
Torna indietro Torna su: access key 5
HTML5+CSS3
Copyright © 2007/2019 by www.massimolenzi.com - Credits
Utenti connessi: 652
N. visitatori: 3639602